2014
AREZZO E CERTALDO
€ 12,00

ISBN: 978-88-8455-686-8

Torna indietro


Parole chiave
Boccaccio | Dante | Petrarca | letteratura | letteratura medievale |


MARCO VEGLIA

LA STRADA PIù IMPERVIA


Senza nulla togliere alla grandezza di Petrarca, dovremmo forse dubitare
delle sue prospettive di giudizio sull’amico Boccaccio, che, s’intende,
scelse la strada letteraria che più gli era congeniale. Per farlo, gli
abbisognavano non soltanto le qualità che possedeva copiose, ma le
avvedutezze che doveva acquisire con la maturità e l’esperienza. Per
conciliare Dante e Petrarca egli non poteva che assumere il ruolo del
discepolo chiosatore e del cultore di reliquie letterarie. Con una umiltà,
talvolta così esibita da essere non meno goffa della pretesa petrarchesca di
non conoscere la Commedia, con la maschera dello scrittore-commentatore che si dichiarava terzo fra cotanto senno, Boccaccio riuscì a essere fedele a se
stesso e, nel contempo, ad affermare la propria “differenza”, a
salvaguardarla e nutrirla. La sua “terza strada” tanto faticosa e impervia,
quanto originale, è per ciò stesso quella di
una letteratura conciliante e inclusiva, che non poté e non volle rinunciare
a innestare Petrarca sul tronco di Dante, né a mostrare il volto
grifagno di Dante tra le ombre e le verzure di Valchiusa.


Aggiungi al carrello

Profilo della casa editrice

Per chiunque si occupi di cultura letteraria e umanistica, di alta cultura umanistica, il marchio della Editrice Antenore evoca immediatamente una tradizione di studi al massimo livello, grazie a collane, divenute il punto di riferimento per generazioni di studiosi

CERCA IL TUO LIBRO

CERCA NEL NOSTRO CATALOGO