2014
Medioevo e Umanesimo
€ 18,00

ISBN: 978-88-8455-684-4

Torna indietro





LUCIANO GARGAN

DANTE, LA SUA BIBLIOTECA E LO STUDIO DI BOLOGNA


Nella Commedia i libri più amati dal poeta. Sulla biblioteca di Dante circolano ancora pesanti pregiudizi che vorrebbero farne una raccolta assai modesta, rispetto, ad esempio, a quella molto più ricca del Petrarca e ci si ostina a ripetere che, almeno nel periodo dell’esilio, Dante non poteva possedere molti libri a causa dei suoi continui spostamenti e degli scarsi mezzi economici a disposizione, dimenticando che, prima e dopo l’esilio, ogni città in cui egli soggiornò era in grado di fornirgli nuove opportunità di venire a contatto con i testi che lo interessavano. In mancanza di inventari antichi e di codici superstiti, questo testo si propone di ricostruire la biblioteca di Dante con Dante stesso attraverso una lettura mirata delle sue opere. Nella ricostruzione virtuale della biblioteca di Dante occupano un posto molto significativo il Convivio e il De vulgari eloquentia, due libri scritti con i libri, dove Dante dimostra di poter attingere a piene mani a una gamma assai vasta di conoscenze (e quindi di testi letti e riletti) che era andato accumulando nel corso del tempo, mentre nella Commedia egli elabora in momenti successivi il canone di una propria biblioteca ideale, trasformando i suoi «libri peculiares» in personaggi che soggiornano all’interno del Limbo, se poeti o filosofi pagani o formano le due corone di spiriti sapienti nel cielo del Sole, se teologi, mistici o dotti cristiani.

Aggiungi al carrello

Profilo della casa editrice

Per chiunque si occupi di cultura letteraria e umanistica, di alta cultura umanistica, il marchio della Editrice Antenore evoca immediatamente una tradizione di studi al massimo livello, grazie a collane, divenute il punto di riferimento per generazioni di studiosi

CERCA IL TUO LIBRO

CERCA NEL NOSTRO CATALOGO